Disturbi Somatomorfi

Premessa

Indice dei Disturbi  Somatoformi

I Disturbi Somatomorfi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche  caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non imputabili a condizioni mediche generali, all’uso di sostanze o ad altro disturbo mentale;psicosomatica inoltre, ai fini diagnostici, è necessario che i sintomi non siano intenzionalmente prodotti dall’individuo e che gli stessi pregiudicano la qualità della vita del soggetto arrecando disagio e/o compromettendo i diversi ambiti dell’ individuo (sociale, lavorativo, affettivo ecc.). I Disturbi Somatoformi possono dunque rappresentare una specie di “anello di congiunzione” tra il versante psichico e quello somatico, in quest’ottica si può ipotizzare un continuum tra le diverse aree di funzionamento dell’individuo.

In altre parole, il processo di somatizzazione potrebbe iniziare dalla valutazione cognitiva di un evento o situazione a cui si accompagna, se l’evento è valutato negativamente come minaccia, la risposta di stress, ansia o paura che a loro volta innescano ed iper-attivano, come  una sorta di segnale d’allarme,  le risposte del sistema nervoso autonomo che, se abnormi o croniche, possono creare problemi fisici. In sostanza questo meccanismo prevede la sincronia dell’asse ipotalamo-ipofisi-corticosurrene (P. Pancheri; Stress, Emozioni e Malattia).

Di solito i Disturbi Somatoformi (Psicosomatici) si manifestano con danni fisici a carico dei diversi apparati o sintomi pseudoneurologici; a livello dell’apparato gastrointestinale (ulcere, gastriti, coliti ecc.), dell’apparato respiratorio(asma, iperventilazione), dell’apparato urogenitale(dolori mestruali, impotenza, eiaculazione precoce, anorgasmia ecc.), dell’apparato cardiocircolatorio(ipertensione, aritmia, tachicardia), della pelle(orticaria, allergie, dermatite, psoriasi ecc.) del sistema muscolare (crampi, mialgia, artrite, cefalea ecc.). Spesso, i pazienti che presentano questo tipo di Disturbi manifestano significative difficoltà nell'espressione delle emozioni, nella gestione dell'ansia o della rabbia,mancano di efficaci strumenti per fronteggiare lo stress, risultato scarsamente assertive nelle relazioni interpersonali che spesso risultano poco gratificanti o frustranti.

 

 Indice dei Disturbi  Somatoformi

  • Disturbo di Somatizzazione:è un disturbo multisintomatico che comincia prima dei 30 anni, che dura per più anni, contrassegnato dalla presenza di dolore e sintomi gastro-intestinali, sessuali e pseudo-neurologici

  • Disturbo Somatoforme Indifferenziato:è contraddistinto dalamentelefisiche non giustificate e dura almeno 6 mesi, ma non raggiunge la soglia per la diagnosi di Disturbo di Somatizzazione;·   Disturbo di Conversione:comporta sintomi ingiustificati di deficit riguardanti le funzioni motorie volontarie e sensitive, i quali potrebbero suggerire una condizione neurologica o medica generale; fattori psicologici appaiono collegati con i sintomi o i deficit;

  • Disturbo Algico:è caratterizzato dal dolore come punto focale principale della alterazione clinica. Inoltre vi è motivo di ritenere che qualche fattore psicologico abbia un importante ruolo nell’esordio, gravità, esacerbazione o mantenimento;

  • Ipocondria:è la preoccupazione legata al timore o alla convinzione di avere una grave malattia, basata sulla erronea interpretazione di sintomi o funzioni corporee

  • Disturbo di Dismorfismo Corporeo:è la preoccupazione riguardante un difetto presunto o sopravvalutato dell’aspetto fisico;

  • Disturbo Somatoforme Non Altrimenti Specificato:è stato incluso per registrare i disturbi con sintomi somatoformi che non incontrano i criteri per nessuno dei Disturbi Somatoformi specifici.

 

A chi rivolgersi

 

Da oggi è in rete:

www.attacchidipanico-ansia.it

Il Sito completamente dedicato agli Attacchi di Panico e ai Disturbi d'ansia