Dipendenza da Televisione

 a cura del Dr Gaspare Costa

La dipendenza da televisioneoteledipendenza può, in un certo senso, essere considerata la prima forma di addiction, ovvero di dipendenza senza l’uso di sostanze come ad esempio la droga o l’alcol, tecnologico. Oggi la televisione, paragonata ad internet o al cellulare,  ci appare come un mezzo quasi obsoleto, la cui presenza in ogni famiglia è pressoché scontato. L’impatto che la televisione ha avuto nella società degli ultimi 50 annitelevisione è stato enorme, tanto che in Italia ad essa è stato attribuito il ruolo di collante che ha contribuito  a creare gli “italiani” come popolo e cultura.  Del resto l’avvento della televisione e la sua diffusione di massa ha portato una serie di vantaggi come la condivisione di eventi importanti (ricordiamo ad esempio lo storico “sbarco” sulla luna) o la diffusione dell’informazione in tempo reale, inoltre il suo avvento a drasticamente modificato “l’intrattenimento” del tempo libero.Accanto ai vantaggi coesistono però degli svantaggi, soprattutto quando il tempo trascorso davanti alla televisione diventaeccessivoo la modalità di visione assume caratteristiche anomale. Nel primo caso si parla diTeleabusomentre nel caso di “consumo” anomalo ( atteggiamento silenzioso o passivo dinnanzi ai vari programmi, tendenza all’isolamento ecc…) si parla diTelefissazione. Queste due modalità di fruizione del mezzo televisivo possono comportare una serie di problematiche che possono sconfinare nella vera e propria psicopatologia.Nel caso di Teledipendenza si possono manifestare i seguenti “sintomi”:

  • tendenza all’isolamentoo appiattimento dei rapporti sociali;

  • atteggiamento passivo, apatia, riduzione degli interessi e degli hobby;

  • indebolimento del senso critico(tendenza a prendere per vero tutto quello che si dice in televisione);

  • irrequietezza, rabbia o ansiase si è impossibilitati a vedere la televisione;

  • problemi connessi alla vita sedentaria(ad esempio il sovrappeso);

  • tendenza ad imitare o adulare modelli televisivi(veline, attori, presentatori ecc..);

E’ chiaro che questo quadro drammatico rappresenta l’effetto di unadipendenzagià in atto mentre, ai fini di una prevenzione primaria, sarebbe importante individuare i fattori di rischio ( ad esempio la solitudine) per intervenire in tempo.

Dr Gaspare Costa

A chi rivolgersi

 

Da oggi è in rete:

www.attacchidipanico-ansia.it

Il Sito completamente dedicato agli Attacchi di Panico e ai Disturbi d'ansia