Disturbi Sessuali e dell’ Identità di Genere

 a cura del Dr Gaspare Costa

I Disturbi Sessuali e dell’Identità di Genere comprendonosessuali le Disfunzioni Sessuali, le Parafilie, e i Disturbi dell’Identità di Genere. Le Disfunzioni Sessuali comprendono:

I Disturbi del Desiderio Sessuale

I Disturbi dell’Eccitazione Sessuale

I Disturbi dell’Orgasmo

Le Parafilie

 

I Disturbi dell’Identità di Genere sono caratterizzati da intensa e persistente identificazione col sesso opposto, associata a persistente malessere riguardante la propria assegnazione sessuale. L’identità di generesi riferisce alla percezione che l’individuo ha di sé come maschio o femmina. Il terminedisforia di generedenota intensi e persistenti sentimenti di disagio per il proprio sesso, il desiderio di possedere il corpo dell’altro sesso ed il desiderio di essere considerato dagli altri come un membro dell’altro sesso.                       

Disfunzioni Sessuali

Una Disfunzione Sessuale è caratterizzata da un’anomalia del processo che sottende il ciclo di risposta sessuale, o da dolore associato al rapporto sessuale. Il ciclo di risposta sessuale può essere diviso nelle seguenti fasi:

  • Desiderio. Questa fase consiste in fantasie sull’attività sessuale e nel desiderio di praticare attività sessuale.

  • Eccitazione. Questa fase consiste in una sensazione soggettiva di piacere sessuale e nelle concomitanti modificazioni fisiologiche. Le principali modificazioni nel maschio sono la tumescenza del pene e l’erezione. Le principali modificazioni nella donna sono la vasocongestione pelvica, la lubrificazione e la dilatazione della vagina, e la tumescenza dei genitali esterni.

  • Orgasmo. Questa fase consiste in un picco di piacere sessuale, con allentamento della tensione sessuale e contrazioni ritmiche dei muscoli perineali e degli organi riproduttivi. Nel maschio vi è la sensazione di inevitabilità dell’eiaculazione, seguita dall’emissione di sperma. Nella femmina vi sono contrazioni (non sempre percepite soggettivamente come tali) della parete del terzo esterno della vagina. Sia nel maschio che nella femmina, lo sfintere anale si contrae ritmicamente.

  •  Risoluzione. Questa fase consiste in una sensazione di rilassamento muscolare e di benessere generale. Durante questa fase, i maschi sono fisiologicamente refrattari ad ulteriori erezioni ed orgasmi per un periodo variabile di tempo. Al contrario, le femmine possono essere in grado di rispondere a nuove stimolazioni quasi immediatamente

disturbi della risposta sessuale possono verificarsi in una o più di queste fasi. Se la stimolazione sessuale è inadeguata per localizzazione, intensità, o durata, la diagnosi di Disfunzione Sessuale riguardante l’eccitazione o l’orgasmo non viene fatta.

 

Disturbi da Desiderio Sessuale

  1. Disturbi del Desiderio Sessuale Ipoattivo

 Principali Caratteristiche diagnostiche:

  • La caratteristica fondamentale del Disturbo da Desiderio Sessuale Ipoattivo è l’insufficienza o  l’assenza di fantasie sessuali e del desiderio di attività sessuale.

  • L’anomalia deve causare notevole disagio o difficoltà interpersonale.

 

Sottotipi

Per il Disturbo da Desiderio Sessuale Ipoattivo vengono forniti dei sottotipi per indicare l’insorgenza (Permanente o Acquisito), il contesto (Generalizzato o Situazionale) e i fattori etiologici (Dovuto a Fattori Psicologici, Dovuto a Fattori Combinati).

Fonte:

 © DSM-IV-TR Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali - Text Revision, 2002

 

  1. Disturbi da Avversione Sessuale

Principali Caratteristiche diagnostiche:

  • La caratteristica fondamentale del Disturbo da Avversione Sessuale è l’avversione, e l’attivo evitamento, del contatto sessuale genitale con un partner sessuale.

  • L’anomalia deve causare notevole disagio o difficoltà interpersonale.

  • La disfunzione non è meglio attribuibile ad un altro disturbo in Asse I (ad eccezione di un’altra Disfunzione Sessuale).

 

Sottotipi

 Vengono forniti dei sottotipi per indicare l’insorgenza (Permanente o Acquisito), il contesto (Generalizzato o Situazionale)e i fattori etiologici (Dovuto a Fattori Psicologici, Dovuto a Fattori Combinati).

Fonte:

 © DSM-IV-TR Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali - Text Revision, 2002

 

Torna all’indice dei disturbi sessuali

Disturbi dell’Eccitazione Sessuale

 

  1. Disturbi dell’eccitazione Sessuale Femminile

Principali Caratteristiche diagnostiche:

  • La caratteristica fondamentale del Disturbo dell’Eccitazione Sessuale Femminile è una persistente o ricorrente incapacità di raggiungere, o di mantenere fino al completamento dell’attività sessuale, un’adeguata risposta di eccitazione sessuale con lubrificazione-tumescenza.

  • L’anomalia deve causare notevole disagio o difficoltà interpersonale.

  • La disfunzione non è meglio attribuibile ad un altro disturbo in Asse I (ad eccezione di un’altra Disfunzione Sessuale) e non è dovuta esclusivamente agli effetti fisiologici diretti di una sostanza (farmaci inclusi) o di una condizione medica generale.

Sottotipi

Vengono forniti dei sottotipi per indicare l’insorgenza (Permanente o Acquisito), il contesto (Generalizzato o Situazionale) e i fattori etiologici (Dovuto a Fattori Psicologici, Dovuto a Fattori Combinati).

Fonte:

 © DSM-IV-TR Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali - Text Revision, 2002

 

  1. Disturbo Maschile dell’Erezione

Principali Caratteristiche diagnostiche:

  • La caratteristica fondamentale del Disturbo Maschile dell’Erezione è una persistente o ricorrente incapacità di raggiungere, o di mantenere fino al completamento dell’attività sessuale, un’adeguata erezione.

  • L’anomalia deve causare notevole disagio o difficoltà interpersonali

  • La disfunzione non è meglio attribuibile ad un altrodisturbo in Asse I (ad eccezione di un’altra Disfunzione Sessuale), e non è dovuta esclusivamente agli effetti fisiologici diretti di una sostanza (farmaci inclusi) o di una condizione medica generale.

 

Sottotipi

Vengono forniti dei sottotipi per indicare l’insorgenza (Permanente o Acquisito), il contesto (Generalizzato o Situazionale) e i fattori etiologici(Dovuto a Fattori Psicologici, Dovuto a Fattori Combinati).

Fonte:

 ©DSM-IV-TR Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali - Text Revision, 2002

 

Torna all’indice dei disturbi sessuali

 

Disturbi dell’Orgasmo

 

  1. Disturbo dell’ Orgasmo Femminile

Principali Caratteristiche diagnostiche:

  • La caratteristica fondamentale del Disturbo dell’Orgasmo Femminile è un persistente o ricorrente ritardo, o assenza, dell’orgasmo dopo una fase normale di eccitazione sessuale.

  • L’anomalia deve causare notevole disagio o difficoltà interpersonali.

  • La disfunzione non è meglio attribuibile ad un altro disturbo in Asse I (ad eccezione di un’altra Disfunzione Sessuale), e non è dovuta esclusivamente agli effetti fisiologici diretti di una sostanza (farmaci inclusi) o di una condizione medica generale.

 

Sottotipi

Vengono forniti dei sottotipi per indicare l’insorgenza (Permanente o Acquisito), il contesto (Generalizzato o Situazionale) e i fattori etiologici (Dovuto a Fattori Psicologici, Dovuto a Fattori Combinati).

 Fonte:

 © DSM-IV-TR Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali - Text Revision, 2002

  1. Disturbo dell’ Orgasmo Maschile

Principali Caratteristiche diagnostiche:

  • La caratteristica fondamentale del Disturbo dell’Orgasmo Maschile è un persistente o ricorrente ritardo, o assenza, dell’orgasmo dopo una fase di normale eccitazione sessuale

  • L’anomalia deve causare notevole disagio o difficoltà interpersonali.

  • La disfunzione dell’orgasmo non è meglio attribuibile ad un altro disturbo in Asse I (ad eccezione di un’altra Disfunzione Sessuale), e non è dovuta esclusivamente agli effetti fisiologici diretti di una sostanza (farmaci inclusi) o di una condizione medica generale.

 

Sottotipi

 Vengono forniti dei sottotipi per indicare l’insorgenza (Permanente o Acquisito), il contesto (Generalizzato o Situazionale) e i fattori etiologici (Dovuto a Fattori Psicologici, Dovuto a Fattori Combinati).

Fonte:

 ©DSM-IV-TR Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali - Text Revision, 2002

 

  1. Eiaculazione Precoce

Principali Caratteristiche diagnostiche:

  • La caratteristica fondamentale dell’Eiaculazione Precoce è la persistente o ricorrente insorgenza di orgasmo ed eiaculazione a seguito di minima stimolazione sessuale prima, durante, o subito dopo la penetrazione, e prima che il soggetto lo desideri.

  •  L’anomalia deve causare notevole disagio o difficoltà interpersonali.

  •  L’eiaculazione precoce non è dovuta esclusivamente agli effetti diretti di una sostanza

 

Sottotipi

 Vengono forniti dei sottotipi per indicare l’insorgenza (Permanente o Acquisito), il contesto (Generalizzato o Situazionale) e i fattori etiologici (Dovuto a Fattori Psicologici, Dovuto a Fattori Combinati).

 Fonte:

 © DSM-IV-TR Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali - Text Revision, 2002

 

Torna all’indice dei disturbi sessuali

 

Disturbi da Dolore Sessuale

  1. Dispareunia

Principali Caratteristiche diagnostiche:

  • La manifestazione fondamentale della Dispareunia è un dolore genitale associato al rapporto sessuale. Sebbene si presenti più comunemente durante il coito, essa può anche insorgere prima o dopo il rapporto. Il disturbo può verificarsi sia nei maschi che nelle femmine.

  • L’anomalia deve causare notevole disagio o difficoltà interpersonali.

  • L’anomalia non è causata esclusivamente da Vaginismo o da mancanza di lubrificazione, non è meglio attribuibile ad un altro disturbo in Asse I (ad eccezione di un’altra Disfunzione Sessuale), e non è dovuta esclusivamente agli effetti fisiologici diretti di una sostanza (per es., una sostanza di abuso, un farmaco), o di una condizione medica generale.

 Sottotipi

Per la Dispareunia sono previsti dei sottotipi per indicare l’insorgenza (Permanente o Acquisito), il contesto (Generalizzato o Situazionale), e i fattori etiologici (Dovuto a Fattori Psicologici, Dovuto a Fattori Combinati).

Fonte:

 © DSM-IV-TR Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali - Text Revision, 2002

  

  1. Vaginismo

Principali Caratteristiche diagnostiche:

  • La manifestazione fondamentale del Vaginismo è la ricorrente o persistente contrazione involontaria dei muscoli perineali che circondano il terzo esterno della vagina quando si tenta la penetrazione vaginale con pene, dita, tamponi o speculum.

  • anomalia deve causare notevole disagio o difficoltà interpersonali.

  • L’anomalia non è meglio attribuibile ad un altro disturbo in Asse I (ad eccezione di un’altra Disfunzione Sessuale) e non è dovuta esclusivamente agli effetti fisiologici diretti di una condizione medica generale.

Sottotipi

Per il Vaginismo sono previsti dei sottotipi per indicare l’insorgenza (Permanente o Acquisito), il contesto (Generalizzato o Situazionale), e i fattori etiologici (Dovuto a Fattori Psicologici, Dovuto a Fattori Combinati).

Fonte:

 ©DSM-IV-TR Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali - Text Revision, 2002

           

          Torna all’indice dei disturbi sessuali

 

 

Le Parafilie

Principali Caratteristiche diagnostiche:

  • Le caratteristiche essenziali di una Parafilia sono fantasie, impulsi sessuali, o comportamenti ricorrenti e intensamente eccitanti sessualmente, che in generale riguardano 1) oggetti inanimati, 2) la sofferenza o l’umiliazione di se stessi o del partner, o 3) bambini o altre persone non consenzienti, e che si manifestano per un periodo di almeno 6 mesi.

  • la diagnosi viene posta se il comportamento, i desideri sessuali, o le fantasie causano disagio clinicamente significativo o compromissione dell’area sociale, lavorativa, o di altre aree importanti del funzionamento.

Fonte:

 © DSM-IV-TR Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali - Text Revision, 2002

 

 Esibizionismo

La caratteristica fondamentale dell’Esibizionismo consiste nel ricercare l’eccitazione sessuale attraverso  l’esibizione dei propri genitali ad un estraneo. L’esibizione può essere accompagnata dalla fantasia che il soggetto “sorpreso” possa a sua volta eccitarsi.

 

 Feticismo

La caratteristica fondamentale del Feticismo consiste nel ricercare l’eccitazione sessuale attraverso  il rapporto con oggetti inanimati come mutande, calze, scarpe, stivali, o altri accessori di abbigliamento femminile o parti del corpo, come i piedi o i seni. Spesso il soggetto feticista chiede la “collaborazione” della propria partner sessuale che solitamente è invitata ad indossare il capo di abbigliamento-feticcio o di esporre una particolare zona del corpo, in assenza ti tale collaborazione possono presentarsi Disfunzioni Sessuali o, in ogni caso, un  insufficiente appagamento sessuale. Il rapporto con l’oggetto-feticcio è spesso accompagnato dalla masturbazione.

 

Frotteurismo

La caratteristica fondamentale del Frotteurismo consiste nel ricercare l’eccitazione sessuale attraverso  il toccare o il strofinarsi contro una persona sconosciuta. In genere l’individuo affetto da questa parafilia predilige luoghi affollati ( tram , metropolitane, file ecc.) poiché è consapevole di incorrere in problemi giudiziari. Tipicamente l’individuo “palpa”le zone intime delle vittime o vi strofina i propri genitali; spesso queste azioni vengono accompagnate da fantasie che concernono lo stabilirsi di una relazione intima ed esclusiva con la vittima.

 

Pedofilia

La caratteristica fondamentale della Pedofilia consiste nel ricercare l’attività sessuale  con bambini piccoli in età pubere o pre-pubere, ovvero con età inferiore a 13 anni circa. Non vengono considerati pedofili gli individui maggiorenni attratti da minori con una età entro i 5 anni in meno rispetto alla loro, o da minori con una età pari o superiori ai 14 anni. L’attrazione sessuale verso i bambini non è però del tutto sufficiente per la diagnosi di pedofilia. In altre parole si può definire pedofilo quella persona con più di 16 anni, per la quale i bambini piccoli costituiscono l’oggetto sessuale unico o comunque preferenziale inoltre, ai fini diagnostici, tale attrazione deve manifestarsi in maniera continua per almeno 6 mesi. Il comportamento pedofilo ha generalmente inizio nel periodo adolescenziale, ma esso può esordire anche nella prima età adulta.

Masochismo Sessuale

La caratteristica fondamentale del Masochismo Sessuale  consiste nel ricercare l’eccitamento sessuale ed il completamento dell'attività sessuale solo ed esclusivamente attraverso pratiche erotiche caratterizzate dalla ricerca del dolore fisico, sottomissione o umiliazione. Il Masochismo può limitarsi alla sfera dell’immaginazione, in questo caso l’individuo può fantasticare  di essere legato o di  subire violenza, o agito concretamente, ad esempio chiedendo al partner di essere schiaffeggiato, percosso, frustato, ecc. In genere il Masochismo esordisce nella prima età adulta e tende a cronicizzarsi.

 

Sadismo Sessuale

La caratteristica fondamentale del Sadismo Sessuale  consiste nel ricercare l’eccitamento sessuale ed il completamento dell'attività sessuale solo ed esclusivamente attraverso pratiche erotiche basate sull'imposizione al partner di sofferenze fisiche e/o psicologiche. Il Sadismo può limitarsi alla sfera dell’immaginazione, in questo caso l’individuo può fantasticare  di arrecare dolore o sofferenza al partner ( ad esempio legandolo, schiaffeggiandolo, sculacciandolo ecc.) o agito concretamente, ad esempio sottoponendo il partner (consenziente o meno) a torture di vario genere e gravità come il bendare, schiaffeggiare, sculacciare, fustigare, pizzicare, percuotere, bruciare, provocare scosse elettriche, violentare, procurare ferite da taglio o da punta, strangolare, torturare, mutilare.In genere il Sadismo esordisce nella prima età adulta e tende a cronicizzarsi.

 

Feticismo di Travestimento

La caratteristica fondamentale del Feticismo di Travestimento  consiste nel ricercare l’eccitamento sessuale ed il completamento dell'attività sessuale solo ed esclusivamente attraverso pratiche erotiche fondatesull'indossare abbigliamento del sesso opposto. Tale parafilia è presente solo nei maschi eterosessuali. Generalmente il feticista di travestimento va alla ricerca dell'eccitamento sessuale indossando abiti, biancheria e ed accessori femminili; il “travestimento” e in genere accompagnato da  pratiche masturbatorie basate sulla fantasia di essere alternativamente uomo e donna. Alcuni individui si travestono solo in modo parziale, per esempio utilizzando della biancheria intima femminile sotto dei normali abiti maschili. E’ comune il “collezionismo di abiti femminili”. In genere l’esordio delFeticismo di travestimentosi può collocare  nell'adolescenza (  fantasie possono essere presenti molto prima) e presenta una forte tendenza alla cronicizzazione.

 

 Voyeurismo

 La caratteristica fondamentale del Voyeurismo consiste nel ricercare l’eccitamento sessuale  solo ed esclusivamente attraverso “lo spiare” furtivamente persone estranee mentre sono nude, si stanno spogliando o sono impegnate in qualche attività sessuale.Solitamente il Voyeur non cerca di avere un vero rapporto sessuale con le persone che spia ma  si limita a  masturbarsi mentre guarda o, in alternativa, può posticipare la masturbazione basandosi sul ricordo di ciò che ha visto.Nei casi più gravi, fare il guardone costituisce l’unica forma di attività sessuale. L’esordio del comportamento voyeuristico è di solito prima dei 15 anni. Il decorso tende ad essere cronico.

 

 Torna all’indice dei disturbi sessuali

 

Disturbo dell’Identità’ di Genere

Principali Caratteristiche diagnostiche:

Il Disturbo dell’Identità di Genere ha due componenti, che devono essere entrambe presenti per fare diagnosi.

  • Deve essere evidente una intensa e persistente identificazione col sesso opposto, che è il desiderio di essere, o l’insistenza sul fatto di essere, del sesso opposto. L’identificazione con l’altro sesso non deve essere solo un desiderio per qualche presunto vantaggio culturale derivante dall’appartenenza al sesso opposto.

  • Deve esserci prova di un persistente malessere riguardo alla propria assegnazione sessuale, oppure un senso di estraneità riguardo al ruolo di genere del proprio sesso.

  • La diagnosi non va fatta se il soggetto ha una concomitante condizione fisica intersessuale

  • Per fare diagnosi deve esservi prova di un disagio significativo sul piano clinico, oppure di compromissione dell’area sociale, lavorativa, o di altre aree importanti del funzionamento.

Nei maschi, l’identificazione col sesso opposto si manifesta con un eccessivo interesse per le tradizionali attività femminili mentre nelle ragazze il  Disturbo si manifesta con intense reazioni negative nei confronti delle aspettative dei genitori o dei tentativi di far loro indossare vestiti o altri capi femminili.

Fonte:

 ©DSM-IV-TR Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali - Text Revision, 2002

  Dr Gaspare Costa

A chi rivolgersi

 

Da oggi è in rete:

www.attacchidipanico-ansia.it

Il Sito completamente dedicato agli Attacchi di Panico e ai Disturbi d'ansia

Torna all’indice dei disturbi sessuali