Disturbo Delirante: Grandezza, Persecutorio, Gelosia, Erotomatico - Psicologo in Toscana e Online - Dr Gaspare Costa - Psicoterapeuta

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Disturbi Psichici > Disturbi Psicotici
Disturbo Delirante

a cura del Dr Gaspare Costa

Principali Caratteristiche Diagnostiche:

  • La caratteristica essenziale del Disturbo Delirante è la presenza di uno o più deliri non bizzarri che persistono per almeno un mese.

  • La diagnosi di Disturbo Delirante non viene formulata se sono presenti i criteri che soddisfano una diagnosi di Schizofrenia.

  • Il funzionamento psicosociale non è compromesso in modo rilevante, e il comportamento non è né eccessivamente stravagante né bizzarro.

  • Se gli episodi di alterazione dell’umore ricorrono in concomitanza con i deliri, la loro durata totale è relativamente breve in confronto alla durata totale dei periodi deliranti.

  • I deliri non sono dovuti agli effetti fisiologici diretti di una sostanza o a una condizione medica generale.

Sottotipi

Tipo Erotomanico. In questo sottotipo il delirio è incentrato sulla convinzione che una persona sia innamorata del soggetto a discapito delle prove contrarie. La natura di questo amore, più che essere incentrato sull’attrazione sessuale, si caratterizza per l’idealizzazione, il romanticismo, la “purezza”; in genere il soggetto tenta di avvicinare l’oggetto d’amore con ogni tipo di espediente (telefonate, regali, lettere, fino ad arrivare al pedinamento) al punto di mettere in atto delle vere e proprie condotte di Stalking. Da sottolineare che le donne sono rappresentate con maggior frequenza nei campioni clinici mentre gli uomini in quelli giudiziari.

Tipo di Grandezza. In questo sottotipo il delirio è incentrato sulla convinzione di possedere un talento particolare, di essere una persona eccezionale o di essere in relazione con una persona eccezionale (come il Papa o un Presidente) senza che questa straordinarietà venga riconosciuta. Spesso il tema di grandezza è di carattere religioso (l’individuo può essere convinto di essere un profeta o un prescelto).

Tipo di Gelosia. In questo sottotipo il delirio è incentrato sulla convinzione che il proprio partner sia infedele; il soggetto cerca in ogni modo di “produrre” prove schiaccianti per comprovare la sua tesi per cui, ogni minimo indizio, viene interpretato come prova certa e incontestabile del tradimento. Il soggetto, in preda al delirio, può spingersi fino a limitare la libertà del partner attraverso restrizioni, controllo ossessivi, pedinamenti, “interrogatori”, minacce fisiche e verbali.

Tipo di Persecuzione. In questo sottotipo il delirio è incentrato sulla convinzione del soggetto di essere vittima di un complotto organizzato ai propri danni, può convincersi di essere pedinato o intralciato nei propri progetti. Spesso tali soggetti intraprendono infinite dispute giudiziarie (Paranoia Querula) al fine di ottenere giustizia ed essere risarciti. Il soggetto, in preda alla collera, può anche diventare aggressivo fino a spingersi a veri e propri atti di violenza nei confronti dei “persecutori”.

Tipo Somatico. In questo sottotipo il delirio è incentrato sulle funzioni corporee o le sensazioni fisiche; ad esempio, il soggetto può essere convinto che alcuni suoi organi sono deformi o difettosi, di emettere un cattivo odore, oppure di essere infestato da parassiti.



Caratteristiche del Disturbo

Un elemento imprescindibile ai fini della diagnosi del Disturbo Delirante è sicuramente il significato che si attribuisce al termine bizzarro; infatti la bizzarria del delirio demarca la schizofrenia dal disturbo delirante che, per definizione, è caratterizzato dalla presenza di deliri non bizzarri. Generalmente per delirio bizzarro si intende una costruzione di significati, non scalfibili dalla critica o da prove che la mettono in discussione, delirio inverosimili, incomprensibili rispetto alle normali esperienze (condivise dalla stessa cultura di
appartenenza dell’individuo) della vita; ad esempio il soggetto può essere convinto di essere stato deprivato dei propri organi senza che il proprio corpo presenti le tracce (ferite o cuciture) evidenti di quanto affermato.

Al contrario i deliri non bizzarri fanno riferimento a costruzioni che, per quanto inverosimili, sono tuttavia plausibili o in armonia con le “normali” esperienze della vita; ad esempio essere avvelenati, perseguitati, traditi o amati a distanza. Spesso negli individui affetti dal disturbo sono presenti idee di riferimento coerenti con la costruzione delirante; l’umore dei soggetti affetti del disturbo è in genere disforico, irritabile o francamente depresso. Il disturbo interferisce negativamente con la sfera affettiva, lavorativa ed interpersonale del soggetto e/o delle persone che lo circondano. Il Disturbo Delirante può essere associato al Disturbo Ossessivo-Compulsivo, al Disturbo di Dismorfismo Corporeo, e ai Disturbi Paranoide, Schizoide, o Evitante di Personalità.
Dr Gaspare Costa
 
Dr Gaspare Costa iscritto all'Ordine degli Psicologi della Regione Toscana n° 5040 - P.Iva 0120695045 Tutti i diritti riservati - prima dell'utilizzo del sito leggere le avvertenze in note legali e privacy
Torna ai contenuti | Torna al menu